PREVIDENZA SOCIALE

Lo Studio Legale assiste la propria clientela in materia Previdenziale relativamente all’accertamento dell’insussistenza dell’obbligo contributivo, all’impugnazione dell’inquadramento previdenziale ed  all’opposizione all’avviso di addebito ed all’ordinanza di ingiunzione.

Inoltre, in tale contesto, eroga consulenza ed assistenza legale anche per le seguenti attività:

classificazione delle aziende ai fini assicurativi e previdenziali INPS e INAIL;

ricorsi amministrativi e giudiziali connessi con l’attività di vigilanza svolta dagli Enti previdenziali per omesso/irregolare versamento dei contributi previdenziali e dei premi assicurativi;

ricorsi amministrativi in autotutela INPS;

• questioni connesse alla valutazione, in sede giudiziale, dell’obbligo contributivo e assicurativo a carico del datore di lavoro;

• problematiche connesse al mancato versamento di contributi da parte del datore di lavoro risultanti dall’estratto conto contributivo;

danni pensionistici e diritto alla pensione;

previdenza complementare.

Lo Studio rappresenta ed assiste i propri clienti anche nel contenzioso generato dall’attività di controllo della Pubblica Amministrazione, fornendo altresì consulenza alle imprese per la corretta impostazione del rapporto di lavoro con i dipendenti ed i collaboratori sotto il profilo degli obblighi contributivi.

Ulteriori competenze legali risultano essere quelle inerenti

prestazioni INAIL (ad es. riconoscimento di infortunio sul lavoro, di malattia professionale, indennizzo danno biologico, rendita vitalizia, indennità per inabilità temporanea, rendita ai superstiti, etc…),
pensioni (ricostituzioni, riliquidazioni, verifica requisiti, indebiti, etc…), pensioni privilegiate nel pubblico impiego, causa di servizio,
invalidità civile e lavorativa in ogni settore (pubblico, privato, autonomo, dirigenziale),
prestazioni temporanee (maternità, malattia, disoccupazione, etc.),
• opposizioni a cartelle esattoriali, decreti ingiuntivi e ordinanze-ingiunzione,

con supporto legale anche nella gestione del contenzioso ispettivo e previdenziale e nelle procedure di accesso al Fondo di Garanzia INPS.

VOLONTARIA GIURISDIZIONE

Per Volontaria Giurisdizione si intende l’attività giurisdizionale definita come amministrazione pubblica del diritto privato esercitata da organi giudiziari. Diversamente dalla tutela giurisdizionale, la volontaria giurisdizione non tende ad attuare diritti, ma semplicemente a integrare o realizzare la fattispecie costitutiva di uno stato personale o familiare (per esempio: la separazione consensuale dei coniugi, che dev’essere omologata dal Tribunale, o l’adozione di persone maggiori d’età, che si attua con decreto del Tribunale in camera di consiglio) o di un determinato potere (per esempio: l’autorizzazione del Giudice tutelare che consente di alienare i beni appartenenti al minore) o della vicenda costitutiva, modificativa ed estintiva di una persona giuridica (per esempio, l’iscrizione di una società per azioni nel registro delle imprese) o di altre situazioni simili.

In tale contesto risultano particolarmente rilevanti le attività di nomina di

tutore per le persone interdette,

curatore per persone inabilitate,

amministratore di sostegno, utile per soggetti che siano privi in tutto o in parte di autonomia, affetti da una menomazione non per forza psichica, ma anche solamente fisica, con la minore limitazione possibile della capacità d’agire, nonché con una durata di incarico anche solo temporanea.

Nell’ambito delle predette attività di nomina, lo Studio Legale eroga consulenza ed assistenza alla clientela interessata ed, in merito:

• assiste e rappresenta i propri clienti nella preparazione dei ricorsi di volontaria giurisdizione o nella relativa opposizione, ivi compiesi quelli relativi alla nomina di amministratore sostegno, potestà, tutela e curatela,

• presta consulenza nel compimento gli atti di amministrazione del tutore e del curatore,

• si rende disponibile a ricevere la nomina per il compimento degli uffici di tutore, curatore o amministratore di sostegno dei soggetti che ne necessitino la nomina;

• presta consulenza anche per la rendicontazione delle attività e delle spese sostenute dal tutore, curatore o amministratori in carica;

• predispone e presenta i ricorsi al Giudice Tutelare per problematiche inerenti i minorenni,

• predispone e presenta richieste e revoche.